Braille

 

 

 

Opera di Dina Elefante

C’è un’arte – si chiama Braille-
sono parole a occhi chiusi o punti
infilati in una collana
arcipelaghi e fiordi, isolate esistenze
una costellazione di stelline smunte
issate sul buio, caricate a gioia
Sono magiche: possono tacere
modi di dire le cose, magnificare
il sacro muto della luce.

Questa parola ad esempio.
Un infinito che non ha il coraggio
di continuare
a perdersi
uno stormo di lucciole rimaste accese
la stella cadente e cometa, precipita e orienta
un mucchio di giorni puntellati sul calendario
i segnaposti sulle mappe digitali
la bocca dentata di un fiore
il plancton a riverbero
il riverbero stesso di un ufo o di un terrestre
sentimentale
un sogno, il piccolo nubifragio di una nuvola
sì la pioggia sul vetro e il rovescio
di una trama che trema, l’ordito che sfila.

Questa parola
così alta e azzurra su un nero di mirto
somiglia a quella volta del mondo
migliore
a me stessa con gli anni in esubero
alla sorpresa
alla famiglia di ragni sotto la luna
a Dio
alle ossa, all’erba, ai neonati
ai laghi alle coste ai mercati
delle pulci e dei dinosauri
A noi a noi, agli spettri ricordi
e a quelli poi

Ma lo sanno gli occhi
quanto amore fanno
A chiuderli?

Foto alla parola “Amore” di Dina Elefante

Autore: Valeria Francese

Valeria Francese nasce a Salerno nel 1979, ha conseguito nel 2003 la laurea in Filosofia con una tesi in Estetica sulla Poetica dello sguardo nella letteratura e nelle arti contemporanee. Nella sua città insegna filosofia negli istituti superiori. Partecipa da sempre a numerosi concorsi di narrativa, ha scritto sceneggiature per il teatro, una piccola meravigliosa esperienza cinematrografica. Nelle ultime esperienze artistiche, una collaborazione per una mostra di fotopoesia, dove la luce e il verso hanno trovato la loro, splendida ed epifanica, parola comune. Da allora, la poesia é diventata la sua Casa Madre. Qualche volta ottiene seri riconoscimenti, menzioni e leggere pubblicazioni, altre volte, come capita a tutti quelli che amano scrivere, un robusto silenzio, quanto mai evocativo di altro talento come quello della pazienza, dell'attesa e della costruzione invisibile. Correttrice di bozze e in procinto di terminare un master in editing e scrittura creativa, sta svolgendo il biennio di tirocinio per diventare giornalista pubblicista. Insomma se nella vita le fosse concesso, sarebbe Scrittura Solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *