Due vite di Emanuele Trevi

di Emanuele Trevi, Premio Strega 2021

Chi sono Rocco Carbone e Pia Pieri?  Due spettri. Di quelli buoni, però, che non fanno del male a nessuno, se è vero che la malinconia non sia poi un dispetto all’accettazione serena del fluire della vita nella morte. Sono due amici, tra di loro, con l’autore, e alla fine un pochino nostri. “Non c’è trama” scriverebbe qualcuno, nel senso che le biografie sono fedeli ancoraggi alla vita. Ma non è questo il punto, il punto è che il libro di Trevi, incredibilmente, può non piacere. Al netto di una scrittura deliziosa, controllata e finisssima, Due vite è un libro che richiede una lettura empatica, ben oltre la classica collaborazione lettore-autore, di echiana memoria. Il punto di vista, è un focus interno irraggiante: schiarisce un nugolo di tempo lungo e dissacrante, e riporta in vita Due vite, non solo per quello che sono, ma anche per quello che non saranno più. La riveste, la storia, una malinconia sottesa dell’autore, tenuta a bada da un lucido conservatorismo, che è la vera trama del libro. Ecco la bellezza di Due vite: lo sguardo di Emanuele sui due spettri, affettuoso, paterno e materno insieme, burlesco e tragico, riconoscente e arrabbiato per chi ha osato morire, magari presto, magari in un modo strano, magari semplicemente perché cio che è opportuno, come morire, non lo decide mai chi ci ama. Non è opportuno andarsene, e nemmeno ricordare lo è. Ecco, Due vite non è un epitaffio letterario, se lo si leggesse cosi, annoierebbe. È l’invasione, piuttosto, di una prospettiva interna, autonoma e carica di umanità, quella dell’autore che nel parlare di loro parla di sé. Ecco, in questo senso rimodulerei il titolo, non due ma Tre vite. Rocco, Pia ed Emanuele.

Autore: Valeria Francese

Valeria Francese nasce a Salerno nel 1979, ha conseguito nel 2003 la laurea in Filosofia con una tesi in Estetica sulla Poetica dello sguardo nella letteratura e nelle arti contemporanee. Nella sua città insegna filosofia negli istituti superiori. Partecipa da sempre a numerosi concorsi di narrativa, ha scritto sceneggiature per il teatro, una piccola meravigliosa esperienza cinematrografica. Nelle ultime esperienze artistiche, una collaborazione per una mostra di fotopoesia, dove la luce e il verso hanno trovato la loro, splendida ed epifanica, parola comune. Da allora, la poesia é diventata la sua Casa Madre. Qualche volta ottiene seri riconoscimenti, menzioni e leggere pubblicazioni, altre volte, come capita a tutti quelli che amano scrivere, un robusto silenzio, quanto mai evocativo di altro talento come quello della pazienza, dell'attesa e della costruzione invisibile. Correttrice di bozze e in procinto di terminare un master in editing e scrittura creativa, sta svolgendo il biennio di tirocinio per diventare giornalista pubblicista. Insomma se nella vita le fosse concesso, sarebbe Scrittura Solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *