Lo Stellario di Weil

 

 

E Se un giorno dovessi poi andaremene

 

Ph di M. Grosso

 

E dovesse poi  essere oggi,

Ecco vorrei che avvenisse fra le stelle.
E allora ho disegnato Stellario.
L’ho chiamato cosí, per il suo essere inventario senza numeri, l’indice tra il cielo e la radice, l’ho disegnato a carboncino lunare, senza far caso alla prospettiva, che manca sempre in casi come questi di assenza di gravitá;

si va alla rinfusa, marciano le cadenti, inciampano le esplose, le nane si arrampicano sulle giganti, qualche specie, con molto argento fra i capelli, sorride dalla coda, poi infine arrivano le stelle madri, quelle hanno la storia nel pigmento, e sanno di latte, e sono le mie preferite, perché anche se le stacchi, come figurine dall’album, Stellario lo sa, che poi ritornano. Le trovi sempre in un certo modo di stare attaccate al cielo, aderenti al principio, fedeli fino alla fine della storia.

Ah, dimenticavo, un certo grado di permanenza di una stella dipende da che lucernario hai, lo decide lui, quanto inciderá su anima, il tempo di una stella.  Di solito, é una cosa che dura i secoli di una notte. Una volta sola e per sempre, mai piú”

                                                               Lo Stellario Weil

Leggi tutto “Lo Stellario di Weil”

Lo stile filosofico del Buon Samaritano- L’Attenzione creatrice in Simone Weil.

La De-creazione e il luogo della traccia assente

Nell’Anno Santo della Misericordia indetto da Papa Francesco, il nostro annuale progetto dedicato all’incontro fra Fede e Ragione, è dedicato al “Cristianesimo critico” di una silenziosa teologa dell’“esclusione” e del “ritiro”, quale fu Simone Weil, filosofa e scrittrice francese, insegnante e operaia, mistica e attivista partigiana della prima metà del Novecento, che ha fatto del tema della Grazia il senso stesso di ogni Contemplazione, di ogni sua poesia mistica, di ogni suo aforisma filosofico e di ogni nostra destinazione salvifica.

Leggi tutto “Lo stile filosofico del Buon Samaritano- L’Attenzione creatrice in Simone Weil.”