Anime Sospese

Il 10 Novembre 2017 in anteprima nazionale presso la Cittadella del Cinema di Giffoni Valle Piana (SA) sarà proiettata la pellicola realizzata dall’ Istituto Statale Alfano I tratto dal racconto della scrittrice Valeria Francese “Le Belle di Notte”

[..] Al contrario delle ossa, senti qua, le viscere vibrano.

Vanno partorite, ragazzo, scendere fin nel basso utero, scavando nelle rocce organiche, calandosi nel buio di una sacca amniotica senza placenta. Cercare i figli, quelli legittimi e gli illegittimi, comunque figli, estrarli dalle macerie e metterli al mondo, in un modo sospeso, i figli sono idee possibili da presentare a tutti i viaggiatori. Un po’come se fosse Natale per tutto l’anno. Non si butta nulla. Si partorisce ancora, per sempre. Napoli resta fertile, pure se le pugnali il ventre [..]

[…] No, Sirena non muore. Il suo corpo, come quello di un mammifero luccicante sotto le stelle, si è arenato sul litorale di Chiaia, portato in braccio da un mare commosso […]

 

 

Autore: Valeria Francese

Valeria Francese nasce a Salerno nel 1979, ha conseguito nel 2003 la laurea in Filosofia con una tesi in Estetica sulla Poetica dello sguardo nella letteratura e nelle arti contemporanee. Nella sua città insegna filosofia negli istituti superiori. Partecipa da sempre a numerosi concorsi di narrativa, ha scritto sceneggiature per il teatro, una piccola meravigliosa esperienza cinematrografica. Nelle ultime esperienze artistiche, una collaborazione per una mostra di fotopoesia, dove la luce e il verso hanno trovato la loro, splendida ed epifanica, parola comune. Da allora, la poesia é diventata la sua Casa Madre. Qualche volta ottiene seri riconoscimenti, menzioni e leggere pubblicazioni, altre volte, come capita a tutti quelli che amano scrivere, un robusto silenzio, quanto mai evocativo di altro talento come quello della pazienza, dell'attesa e della costruzione invisibile. Correttrice di bozze e in procinto di terminare un master in editing e scrittura creativa, sta svolgendo il biennio di tirocinio per diventare giornalista pubblicista. Insomma se nella vita le fosse concesso, sarebbe Scrittura Solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *